La Mindful Eating nella terapia dei disturbi alimentari

La Mindful Eating è una tecnica che fa parte del più ampio mondo della Mindfulness ed è stata introdotta in occidente dal monaco buddista vietmanita Tich Naht Hanh e da Jon Kabat-Zinn, suo allievo in buddismo, un biologo Professore Emerito in Medicina della University of Massachusetts Medical School. Quest’ultimo ha contribuito a diffondere la Mindfulness, inserendola nei percorsi psicoterapeutici in base ad un preciso protocollo e contribuendo a dimostrarne la validità e l’efficacia da un punto di vista empirico.

Mindful EatingMindful Eating: mangiare con consapevolezza

La Mindful Eating non ci dice cosa e quanto mangiare – compito, questo, riservato agli specialisti dell’alimentazione – ma come e perché: la Mindful Eating insegna, cioè, come mangiare con consapevolezza. Read more

Share

Sette tipi di fame: cosa sono e perché è importante conoscerli

A chi non è mai capitato di mangiare pur non avendo appetito? Di avvertire un languore improvviso guardando il cibo in televisione, cucinato da famosi chef, o sollecitati da un profumo di pizza calda?

Sono molti gli stimoli sensoriali esterni o endogeni (cioè che provengono da noi) che possono far nascere l’urgenza di mangiare pur non avendo un bisogno effettivo, cioè fisiologico, di apportare calorie al nostro corpo. Vedremo, in questo articolo, i sette tipi di fame più comuni e perché è importante conoscerli.

Se lasciamo da parte il “vero” appetito, infatti, scopriremo che i motivi per cui avvertiamo il bisogno di mangiare sono di diverso ordine e tipo. Read more

Share