Gli uomini e i disturbi dell’alimentazione: un mito da sfatare

I maschi e i disturbi dell’alimentazione: stigma sociale e stereotipi obsoleti

Come sappiamo i disturbi dell’alimentazione sono molto diffusi tra le donne e, per questo, se ne parla quasi sempre al femminile. In realtà, questi disturbi, affliggono sempre più spesso anche gli uomini.
Va detto che lo stigma sociale e lo stereotipo legato all’immagine della donna “modella”, sempre magra, perfetta, esteticamente curata e in forma, si è in parte trasferito sull’uomo e che questo cambiamento risulta essere un importante fattore di rischio per i disturbi del comportamento alimentare al maschile.

depilazione_maschile""
Depilazione maschile: sempre più di moda

Una prova concreta di quanto avvenuto la si può trovare nel campo della moda maschile che, da una ventina d’anni, ha visto crescere sempre di più il proprio business e non solo riguardo all’abbigliamento. L’immagine maschile che arriva dalla passerella è quella di un uomo estremamente curato, che si concede trattamenti estetici un tempo ritenuti per sole donne e/o poco maschili, sempre in forma smagliante, depilato, attento ai particolari e ai dettagli, con un fisico scattante, muscoloso e privo di grasso. Tali standard di bellezza sono ben lontani dall’immagine maschile di qualche decennio fa.

Questo nuovo standard di bellezza maschile rimanda, in qualche modo, ad un immaginario androgino, dove i confini estetici tra corpi maschili e corpi femminili appaiono sempre più sfumati. Read more

Share

Bulimia Nervosa: Cause, Sintomi, Segni e Trattamenti

“In Occidente, dove il tenore di vita riesce a sfamare tutti (o quasi tutti), oggi sempre più si cerca di offrire agli altri, prima che a se stessi, un’immagine fisica attraente […]. Spesso in molte ragazze, ma ormai anche in molti ragazzi, appare un timore fobico di avere una deformità in qualche parte del corpo (dismorfofobia), sindrome che potrebbe collocarsi tra un’ipocondria estetica e una fobia sociale. Ma la cibomania vera e propria si esprime con la sindrome della bulimia […], che altro può essere se non un disperato tentativo di riempire i propri vuoti affettivi, la propria solitudine, la riconquista rabbiosa di un cibo affettivo che evidentemente non è stato erogato a sufficienza […]”  Antonio Lo Iacono*

 

Che cos’è la Bulimia Nervosa

Il termine Bulimia proviene dal Greco e significa, letteralmente, “fame da bue”. L’inquadramento nosografico del disturbo, però, sotto il nome di Bulimia Nervosa è piuttosto recente (1979) e si deve ad uno uno psichiatra britannico di nome Gerald Russell. La Bulimia Nervosa, inizialmente, venne considerata come una variante dell’Anoressia Nervosa per poi essere inquadrata come disturbo a sé stante.

La Bulimia Nervosa è infatti un grave disturbo psichico che comporta conseguenze fisiche talmente rilevanti da mettere a rischio la vita stessa. Si manifesta con l’ingestione di quantità esagerate di cibo (abbuffata) in un breve lasso di tempo, seguita da condotte compensatorie di vario genere messe in atto come forma di controllo del peso corporeo.

Read more

Share