“Marzo Donna” 2019 – Lastra a Signa: Ma quante donne! La conciliazione tra famiglia e lavoro

25.03.2019

Ma quante donne! La conciliazione tra famiglia e lavoro.
“Marzo Donna” 2019 – Lastra a Signa

Ringrazio il Comune di Lastra a Signa e il Comitato dei genitori per avermi invitata a parlare di un tema che mi sta molto a cuore: i tanti ruoli delle donne e, più in dettaglio, gli aspetti legati alla conciliazione degli impegni familiari e lavorativi.
Ringrazio il sindaco Angela Bagni che ha partecipato e contribuito con la sua testimonianza.
Ringrazio anche le mamme che hanno partecipato attivamente all’incontro: non eravamo molte ma ciò ci ha concesso di confrontarci e parlare di quanto potremmo fare, insieme, per costruire reti sociali di sostegno e di reciproco aiuto.
Ringrazio in particolare Valentina Bargagna del comitato genitori che mi ha indicato come relatrice agli organizzatori di “Marzo Donna“.

Una bellissima serata.

 

 

 

 

Per appuntamenti o ulteriori informazioni:

info@annalisailari.it

333 4552915 (anche via WhatsApp)

su Facebook via Messanger

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Share

L’insostenibile pesantezza del vuoto: la società postmoderna e l’incapacità di annoiarsi

Il vuoto, questo (s)conosciuto… Lo avvertiamo tutti: in un’indefinibile irrequietezza, nei momenti di inattività forzata, nella mancanza di una persona cara, nello spazio-tempo di un sogno. Eppure, questa non dimensione, questo non-luogo lieve e denso di possibilità, nella nostra società, è avvertito come un fardello, come un peso che mal si sopporta, come qualcosa da riempire, ad ogni costo. Un delirio bulimico di tecnologia, cibo, sesso e molto altro ancora.

Ma andiamo per gradi…

Questo post me lo ha ispirato mia figlia: non ha ancora otto anni ma, spesso, pone domande difficili, a cui è difficile rispondere con un linguaggio adeguato ad una bambina della sua età. Ecco perché punto più sull’esempio e, se non basta, sulla metafora, pur essendo e restando una mamma molto imperfetta e riconoscendo su di me, in primis, la difficoltà di educare.

Prima di affrontare l’argomento, c’è quindi bisogno di un breve prologo. Read more

Share