Gli uomini e i disturbi dell’alimentazione: un mito da sfatare

I maschi e i disturbi dell’alimentazione: stigma sociale e stereotipi obsoleti

Come sappiamo i disturbi dell’alimentazione sono molto diffusi tra le donne e, per questo, se ne parla quasi sempre al femminile. In realtà, questi disturbi, affliggono sempre più spesso anche gli uomini.
Va detto che lo stigma sociale e lo stereotipo legato all’immagine della donna “modella”, sempre magra, perfetta, esteticamente curata e in forma, si è in parte trasferito sull’uomo e che questo cambiamento risulta essere un importante fattore di rischio per i disturbi del comportamento alimentare al maschile.

depilazione_maschile""
Depilazione maschile: sempre più di moda

Una prova concreta di quanto avvenuto la si può trovare nel campo della moda maschile che, da una ventina d’anni, ha visto crescere sempre di più il proprio business e non solo riguardo all’abbigliamento. L’immagine maschile che arriva dalla passerella è quella di un uomo estremamente curato, che si concede trattamenti estetici un tempo ritenuti per sole donne e/o poco maschili, sempre in forma smagliante, depilato, attento ai particolari e ai dettagli, con un fisico scattante, muscoloso e privo di grasso. Tali standard di bellezza sono ben lontani dall’immagine maschile di qualche decennio fa.

Questo nuovo standard di bellezza maschile rimanda, in qualche modo, ad un immaginario androgino, dove i confini estetici tra corpi maschili e corpi femminili appaiono sempre più sfumati. Read more

Share

La Mindful Eating nella terapia dei disturbi alimentari

La Mindful Eating è una tecnica che fa parte del più ampio mondo della Mindfulness ed è stata introdotta in occidente dal monaco buddista vietmanita Tich Naht Hanh e da Jon Kabat-Zinn, suo allievo in buddismo, un biologo Professore Emerito in Medicina della University of Massachusetts Medical School. Quest’ultimo ha contribuito a diffondere la Mindfulness, inserendola nei percorsi psicoterapeutici in base ad un preciso protocollo e contribuendo a dimostrarne la validità e l’efficacia da un punto di vista empirico.

Mindful EatingMindful Eating: mangiare con consapevolezza

La Mindful Eating non ci dice cosa e quanto mangiare – compito, questo, riservato agli specialisti dell’alimentazione – ma come e perché: la Mindful Eating insegna, cioè, come mangiare con consapevolezza. Read more

Share

Binge Eating Disorder (BED, Disturbo da Alimentazione Incontrollata): cause, sintomi, segni e trattamenti

 

Che cos’è il Binge Eating Disorder (BED)

Il Binge Eating Disorder (BED) o Sindrome da Alimentazione Incontrollata è comunemente noto come una compulsione alimentare che comporta un’iper-alimentazione, ovvero l’ingestione di quantità enormi di cibo. Durante questi episodi di iperalimentazione, vere e proprie abbuffate, i soggetti si sentono incapaci di fermarsi, perdono letteralmente il controllo.

Questi episodi di iperfagia, affinché si possa parlare di Binge eating, devono avvenire con una frequenza media di due volte a settimana e durare da almeno 6 mesi.  abbuffata

Il primo autore a parlare di BED è stato Albert Stunkard, uno psichiatra e ricercatore statunitense che, nel 1959, identificò la Sindrome delle abbuffate notturne (NES, Night Eating Syndrome, già brevemente spiegata in un altro post, vedi qui). In seguito, per identificare un comportamento alimentare con caratteristiche simili alla NES, ma senza l’aspetto legato alle ore notturne, si parlò di Binge Eating Disorder.

Il Binge Eating Disorder colpisce sia uomini che donne: inizialmente normopeso o in sovrappeso, i soggetti con BED iniziano rapidamente a prendere peso e raggiungono situazioni di obesità o di grave obesità. Questa condizione, per motivi sia fisiologici che psicologici, rinforza questo comportamento compulsivo, in un circolo vizioso costituito da perdita di controllo – abbuffate – senso di colpa e disperazione – compensazione con ulteriori abbuffate e così via. Tutto questo porta le persone a sviluppare anche sintomi correlati riconducibili ad emozioni negative, senso di colpa e vergogna, stati ansiosi e depressione. Read more

Share